Il Carnevale di Acireale | Imperatore Travel Blog

Il Carnevale di Acireale

L'antro della Sibilla
L’Antro della Sibilla Cumana
29 gennaio 2014
Napoli e la Mostra Impossibile
Napoli e la “Mostra Impossibile” di Caravaggio, Leonardo e Raffaello
3 febbraio 2014

Il Carnevale di Acireale

Carnevale di Acireale

Il Carnevale di Acireale è considerato il più bel carnevale siciliano. Le sue origini sono molto antiche, risalgono infatti al XVI secolo. E’ una festa nata e voluta dal popolo, che in questo periodo dell’anno in cui tutto è lecito, si concedeva il lusso di scherzare e fare satira sui potenti. Il Carnevale di Acireale, in programma dal 15 febbraio al 4 marzo, oggi si contraddistingue per la presenza di carri allegorico-grotteschi in cartapesta e carri infiorati, ossia composti di soli fiori veri. Tutti i carri sono dotati di impianti di luci, movimenti meccanici e idraulici tali da offrire al pubblico spettacoli e scenografie indimenticabili. Non esistono carri simili in tutto il mondo.

La tradizione dei carri allegorici ebbe inizio verso la fine del XIX secolo. La scelta della cartapesta è legata alla presenza in città di molti artigiani che facevano uso di questo materiale per le loro decorazioni. Le enormi costruzioni portano ogni anno in sfilata i temi più scottanti e attuali presentandoli attraverso una divertente satira. Per i carri infiorati biosgnerà invece aspettare il 1931. Molti li chiamano ancora le Macchine Infiorate, perché inizialmente i fiori andavano a decorare delle automobili.

Carnevale di Acireale: carri infiorati Carnevale di Acireale

Il Carnevale di Acireale si svolge lungo le vie e nelle piazze del bellissimo centro storico barocco della città. I carri di cartapesta sfilano il giovedì, la domenica e il martedì grasso, e da alcuni anni anche le due domeniche precedenti. I carri infiorati, che tradizionalmente sfilavano solo il lunedì e il martedì, da un po’ di tempo a questa parte sfilano tutti i giorni. Siate pronti a essere stupiti: giunti nei luoghi stabiliti per l’esibizione, questi marchingegni meravigliosi si aprono e raddoppiano le loro dimensioni.

I festeggiamenti, a cui prendono parte anche alcune maschere del Carnevale di Venezia, si concludono la sera del martedì grasso con una bella esplosione di fuochi artificiali e le premiazioni. Quest’anno la festa inizierà sabato 15 febbraio con la grande parata inaugurale e la consegna delle chiavi a Re Burlone, per concludersi la sera di martedì 4 marzo.

Carnevale di Acireale Carnevale di Acireale

La manifestazione carnascialesca acese è accompagnata dal 1934 dall’uscita del Numero Unico, una pubblicazione di satira curata dal Circolo Universitario. Dal 1996 il Carnevale di Acireale è abbinato inoltre alla Lotteria Nazionale insieme con quello di Viareggio e Putignano.

Carnevale di Acireale Carnevale di Acireale

Gli artigiani dei carri acesi, i Carristi, si mettono all’opera mesi e mesi prima del carnevale per dare vita a delle opere finemente lavorate e sempre più accurate. La maschera più antica del Carnevale di Acireale è l’Abbatazzu o Pueta Minutizzu. Questa figura, creata già nel XVI secolo, sbeffeggiava gli ecclesiastici, fingendo di leggere un grosso libro e proclamando motti canzonatori e irridenti. Altri caratteri tipici di questa festa del catanese sono i Baruni, di poco successivi all’Abbatazzu, che prendevano di mira la classe nobiliare.

Recentemente al carnevale vero e proprio si è affiancato il Carnevale Estivo. In questa occasione i carri allegorici e quelli infiorati tornano a percorrere le vie cittadine. Quest’ulteriore manifestazione in un periodo dell’anno particolarmente vivo e vivace come la bella stagione, è anche un’ottima opportunità per promuovere i prodotti tipici acesi.

Commenti

commenti