La Riserva di Monte Arcosu in Sardegna | Imperatore Travel Blog

La Riserva di Monte Arcosu in Sardegna

Monte Cofano
Monte Cofano: la Sicilia per sportivi
13 gennaio 2014
La Festa di Sant'Agata
La festa di Sant’Agata a Catania
17 gennaio 2014

La Riserva di Monte Arcosu in Sardegna

Monte Arcosu

Monte Arcosu è il regno del cervo sardo: una riserva del WWF attrezzata per passeggiate ed escursioni. Un’oasi di verde, a ovest di Cagliari, a qualche chilometro dal mare. È la più vasta foresta della Sardegna del sud, nel Sulcis-Iglesiente, in quella zona meglio nota come terra delle miniere. A circa venti chilometri da Cagliari c’è un mare di verde a poca distanza da quello blu, incantevole, delle coste.

La Riserva di Monte Arcosu è tutelata dal Wwf, conta circa 3.600 ettari di lecci, che si alternano alla vegetazione bassa di macchia mediterranea fatta di corbezzolo e lentisco. Le cime più alte superano i mille metri di altezza: punte Is Caravius (1116) e Maxia (1017); qui, tra l’ombra degli alberi, le alture e i precipizi vivono numerosi esemplari di cervo sardo, specie considerata a rischio estinzione.

E proprio per proteggere questo animale nel 1985 a Monte Arcosu è nata la riserva attrezzata. Nell’area, ora protetta, prima c’era una riserva di caccia di proprietà privata che, dopo la sua abolizione, era diventata la meta preferita dei bracconieri. Fino a quando negli anni ’80 il WWF decise di acquistare la tenuta: così è nata la riserva in cui si possono fare passeggiate ed escursioni, anche in giornata, lungo i percorsi segnalati, tra rocce granitiche e il verde cupo della vegetazione che fa da cornice ai ruscelli. In aria si possono avvistare gli uccelli (germani, falchi, nibbi, gheppi e aquile) e con un po’ di fortuna il vero ospite della riserva: il cervo sardo

Oasi WWF Monte ArcosuA Monte Arcosu si arriva in auto da Capoterra, centro sulla costa, o dalla zona industriale di Macchiareddu, nell’hinterland cagliaritano. Tra i sentieri più seguiti, quello denominato A4, che costeggia rio Sa Canna: si cammina circa un’ora fino a Rocca Lada. Ma anche i “sentieri natura” Su Bacinu, Sa Rocca Lada, Genna Strinta e Marroccu.

I sentieri per il trekking, complessivamente, coprono una rete di 80 km, con lunghezza e durata di percorrenza diverse, come del resto la loro difficoltà. Ci sono  i sentieri per gli amanti del trekking più esperti e per coloro che invece preferiscono un percorso semplice con la guida della riserva.

Trekking sul Monte Arcosu   Trekking sul Monte Arcosu

Numerose anche le sorgenti naturali, le più suggestive sono Su Suergiu, Su Tragu e Sa Canna; tra la vegetazione spontanea da notare le splendide orchidee selvatiche. Sul posto è attiva una cooperativa che fornisce vari servizi, tra cui le escursioni fotografiche e notturne e la possibilità di soggiornare in foresteria.

Commenti

commenti