Immersioni e diving ad Ischia | Imperatore Travel Blog

Immersioni e diving ad Ischia

Isole Tremiti
Isole Tremiti: le perle dell’Adriatico fra mito, leggenda e tesori nascosti
13 agosto 2013
Favignana - Isole Egadi
Favignana, un tesoro sospeso sul mare
15 agosto 2013

Immersioni e diving ad Ischia

Diving Ischia

L’affascinante mondo sottomarino di Ischia è uno degli aspetti mono conosciuti dai vacanzieri che scelgono l’isola per le proprie vacanze. Le acque che bagnano le coste ischitane nascondono formazioni rocciose ricche di cavità ed anfratti ideali per andare alla scoperta di una ricca e colorata flora marina e di innumerevoli tane di granchi, cernie, aragoste. Distese di Posidonia fanno nascondiglio a tante specie di pesci, mentre le formazioni rocciose vengono colorate dal corallo. Il Diving ad Ischia è un modo speciale e sicuramente diverso per trascorrere le vostre vacanze sull’isola.

Regno di Nettuno - IschiaCi troviamo nell’Area Marina Protetta del “Regno di Nettuno”, che comprende il mare dell’Arcipelago Flegreo, formato dalle isole di Ischia, Procida e Vivara. Questa zona fa parte di un grande complesso vulcanico considerato tuttora attivo. La ricchezza del mare del “Regno di Nettuno” si intuisce osservando la perimetrazione dell’area: un prolungamento verso nord, di due miglia di larghezza, che si estende verso la località di Cuma, in terraferma per una lunghezza di otto miglia. E’ il cosiddetto Canyon di Cuma, che rende il Regno di Nettuno un’area unica nel Mediterraneo. Un prolungamento a difesa di cetacei (delfini, balene, capodogli..) con cui spesso ci si imbatte in questo tratto di Mediterraneo.

I fondali ed il mare dell’Area Marina Protetta comprendono una grande varietà di ambienti, come le tante aree di coralligeno, con incredibili formazioni di alghe rosse, madrepore e coralli.
Caratteristico è anche il falso corallo nero “Gerardia savalia”, presente lungo il costone della torre di S. Angelo. Le acque sono frequentate da varie specie ittiche tipiche degli ambienti rocciosi mediterranei. Le acque antistanti Ischia sono anche al centro di flussi migratori di totani e calamari e di tutte le specie del pesce azzurro.

I punti di immersione di maggiore interesse sono:

  • la Secca delle Formiche (profondità che va dai 6 ai 20 metri), è accessibile a tutti: neofiti, esperti ed appassionati di fotografia subacquea. Un eruzione vulcanica ha provocato la costruzione di strutture bizzarre: bolle di roccia, pennacchi, archi e tante splendide grotte. Una serie di canyon che si alternano con incredibile frequenza ad archi di pietra. E’ possibile incontrare enormi crostacei, scorfani e nelle fessure delle pareti una fitta popolazione di piccoli gamberetti.
  • Lo Scoglio della Nave presso Punta Imperatore a Forio, zona sud-ovest di Ischia. Secondo la mitologia greca, lo scoglio sarebbe la nave con cui i Feaci avevano accompagnato Ulisse di ritorno nella sua Itaca. Nave che poi Poseidone, dio del mare, avrebbe pietrificato per vendetta. Quest’immersione ci porta tra tunnel, anfratti e passaggi molto suggestivi, fino ad arrivare ad una splendida parete di gorgonie abitata da aragoste e gamberoni. Innumerevoli tane di granchi, cernie ed aragoste.
  • La Parete di Sant’Angelo, che presenta un ecosistema bentonico esuberante, vario e veramente affascinante. Grandi rami di gorgonie gialle, “Eunicella Cavolinii”, e rosse, “Paramuricea Clavata”. Si incontrano una gran quantità di rami di “Gerardia Savaglia”, o falso corallo nero, le cui fitte ramificazioni sono di color giallo brillante. Scendendo verso i 50 metri si trova invece il prezioso e raro corallo rosso “Corallium Rubrum”.
  • La Secca del Bell’Ommo. Proprio sulla parte di costa antistante la secca fu ritrovato negli anni ’70 un sito archeologico che avvalorava la tesi di Pithaecusa. Gli scavi portarono alla luce un antica fabbrica di anfore. La secca doveva a quel tempo rappresentare un approdo alla rada per le navi che attendevano di essere caricate e questo è testimoniato dai numerosi cocci d’anfora che si ritrovano sul fondo, assieme a numerose ancore romane. La secca è un oasi felice per molti pesci di passo come tonni e barracuda, nonché rifugio per cernie , labridi e saraghi. Spesso vi si trovano a mezz’acqua anche dentici di grosse dimensioni ricciole e barracuda.

Nella mappa in basso tutti i punti d’interesse per le immersioni e il diving ad Ischia:


Commenti

commenti